Responsabile Gestione Sito

Sig. Antonio Bosco

 

Incontri sonori

Biblioteca Nazionale di Cosenza,  28/06/2024  - 28/06/2024

Venerdì 28 giugno alle ore 11.00 si svolgerà presso la sala “G. Giacomantonio” della Biblioteca Nazionale di Cosenza, la rassegna “Incontri sonori” organizzata dal maestro Angela Crudo, presidente dell’Associazione Musicale Musiké con sede a Vibo Valentia, in collaborazione con il maestro Maria Carmen Rizzuto. La rassegna, giunta alla sua terza edizione, nasce dall’esigenza di dare spazio alla creatività dei più giovani attraverso la costruzione di un momento artistico a loro esclusivamente dedicato. I piccoli musicisti, guidati da un affiatato team di insegnanti si cimenteranno nell’esecuzione di brani di musica classica suonati al pianoforte e su altri strumenti. I riscontri positivi suscitati della manifestazione nelle precedenti edizioni, fanno di questo evento una preziosa occasione in cui i giovani hanno la possibilità di mettersi alla prova e confrontarsi con il pubblico in un luogo denso di significato in quanto deputato alla musica e dedicato all’esimio compositore Giuseppe Giacomantonio

Galleria immagini:

Festa della Musica - Coro di clarinetti dell'Accademia Musicale G.Rossini

Biblioteca Nazionale di Cosenza,  21/06/2024  - 21/06/2024 , 17:30 - 19:30

Venerdì 21 giugno si svolgerà alle ore 17.30 presso la Sala “Giuseppe Giacomantonio” della Biblioteca Nazionale di Cosenza un concerto di musica d’insieme che vedrà protagonista un coro di clarinetti dell’Accademia Musicale “G. Rossini”, di Montalto Uffugo, Cosenza. La manifestazione si inserisce tra gli eventi organizzati nell’ambito della Festa della Musica 2024, iniziativa patrocinata dal MIC e dalla Rappresentanza in Italia della Commissione Europea per celebrare il solstizio d'estate, ogni anno con migliaia di concerti in tutta Italia all'insegna della gratuità. Ad esibirsi sarà un ensemble di 15 clarinetti composto da ragazzi della scuola secondaria di primo grado che sotto la guida di un maestro direttore hanno intrapreso questa esperienza interattiva, divertente e stimolante. L’iniziativa è pensata per sviluppare lo spirito di socializzazione tra i giovani musicisti e dare loro al contempo la possibilità di vivere e conoscere meglio un luogo della cultura ricco di storia e sapere.

Galleria immagini:

L'arte parla... in Biblioteca

Biblioteca Nazionale di Cosenza,  24/06/2024  - 28/06/2024 , 09:00 - 13:30

Da lunedì 24 a venerdì 28 giugno, la Sala “Giorgio Leone” della Biblioteca Nazionale di Cosenza ospiterà gli elaborati delle classi V sez. D ed E della Scuola primaria plesso “L.P. Pizzuti” afferente all’Istituto Comprensivo statale "Spirito Santo – Via Roma” di Cosenza. L’allestimento di questa mostra chiude il percorso artistico ed educativo intrapreso dagli alunni attraverso la partecipazione al progetto extracurriculare “L’arte parla”. Nel corso degli incontri progettuali i bambini hanno imparato ad osservare, capire e leggere l’evoluzione dell’arte nelle varie forme espressive che hanno segnato le civiltà antiche fino ad arrivare alla civiltà moderna.Le attività svolte hanno consentito ai bambini di conoscere artisti di tutti i tempi e di scoprire musei e luoghi che conservano testimonianze artistiche. In modo individuale e in gruppo, i bambini, hanno assunto le vesti di figure guida in grado di parlare di un’opera d’arte in  tutta completezza. Ciascuno di loro dopo avere familiarizzato con i concetti di espressività, percezione emozionale e tonalità armonica ha imparato ad inquadrare il singolo pittore/artista nel proprio periodo storico di riferimento, illustrando la tecnica pittorica che utilizzava nonché la geometria delle singole opere. La mostra sarà aperta al pubblico da lunedì a giovedì dalle ore 9 alle ore 14, nella giornata di venerdì dalle ore 9 alle ore 13.30.

Galleria immagini:

I solisti del Lucrezia

Biblioteca Nazionale di Cosenza,  03/06/2024  - 03/06/2024 , 17:30 - 19:30

Lunedì 3 giugno 2024, alle ore 17.30 si svolgerà presso la Sala “Giacomantonio” della Biblioteca Nazionale di Cosenza, il concerto de “I Solisti del Lucrezia”, gruppo di giovani musicisti in formazione del Liceo Musicale “Lucrezia Della Valle” di Cosenza.A conclusione dell’anno scolastico, gli studenti raccolgono i frutti del costante impegno profuso nei loro studi ed intendono condividerli con il pubblico. Questo concerto vuole, infatti, essere un viaggio attraverso alcuni dei brani più rappresentativi del repertorio degli strumenti che i ragazzi hanno scelto come loro fedeli compagni per la vita. Archi, fiati e corde accompagneranno il pubblico in un mondo in cui il segno grafico prende vita e si trasforma in emozioni. Il Liceo Musicale “Lucrezia Della Valle” è, fin dalla sua nascita, fucina di talenti e si inserisce quale elemento di raccordo tra la Scuola Media ad Indirizzo Musicale e il Conservatorio di Musica, offrendo agli studenti la possibilità di approfondire lo studio della musica, ampliare il loro bagaglio di competenze musicali e prepararsi ad uno studio di alta formazione. In una terra, quella calabrese e a ancor di più in quella cosentina, intrisa di musica e dalla lunga e gloriosa tradizione musicale, peraltro rinnovata in questo momento storico anche attraverso il fiorire di tante iniziative, il Liceo Musicale diventa promotore di un arricchimento personale e culturale, nonché portatore di bellezza.Passione e dedizione sono, dunque, gli “ingredienti” di un concerto che si auspica possa diventare, negli anni avvenire, un appuntamento fisso per questi giovani talenti, in una cornice, quella della Biblioteca Nazionale di Cosenza, ricca di storia e foriera, anch’essa, di bellezza.

Galleria immagini:

"I falsi d'arte. Aspetti storico-artistici, criminologi e normativi. Il caso Modigliani" di Massimiliano Croce

Biblioteca Nazionale di Cosenza,  27/05/2024  - 27/05/2024 , 16:30 - 18:30

Oggi, lunedì 27 maggio 2024, alle ore 16.30 si svolgerà presso la Sala “Giorgio Leone” della Biblioteca Nazionale di Cosenza, la presentazione del libro “I Falsi d’arte. Aspetti storico-artistici, criminologici e normativi. Il caso Modigliani” di Massimiliano Croce, comandante del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Napoli. L’evento si inserisce nella campagna nazionale “Il Maggio dei libri 2024” promossa dal Ministero della Cultura e dal Centro per il libro e la lettura (Cepell). A moderare l’incontro sarà il direttore della Biblioteca Nazionale di Cosenza, Adele Bonofiglio. Dialogheranno con l’autore, Don Salvatore Fuscaldo direttore del Museo Diocesano di Cosenza e la professoressa Rossana Cosco, docente di lettere classiche del Liceo Classico “Bernardino Telesio” di Cosenza. L’organizzazione dell’evento è a cura delle docenti di storia dell’arte del Liceo Classico “Bernardino Telesio” Antonella Maio e Maria Patrizia Marchio. Il volume si apre con la narrazione di storie di personaggi dai tratti oscuri, in balìa di frustrazioni artistiche e sete di guadagno; successivamente l’autore abbandona l’iniziale prospettiva d’analisi storico-artistica per passare ad una, prettamente criminologica che lo porta a descrivere le tecniche fraudolente utilizzate dai contraffattori e gli strumenti sempre più sofisticati impiegati dagli specialisti per smascherare la miriade di falsi in circolazione. Uno degli artisti più falsificati è senza dubbio Amedeo Modigliani: la sua particolare e proficua produzione artistica ha sollecitato la produzione di un cospicuo numero di falsi d’arte tale da superare di gran lunga le opere originali. L’autore riporta nel libro alcune delle più avvincenti tappe di questa storia. In appendice è affrontato il problema delle certificazioni di autenticità delle opere d’arte, con la proposta di una soluzione per normare un settore particolarmente importante per la lotta alle contraffazioni e restituire la giusta dignità agli artisti e al mondo dell’arte in generale. I diritti d’autore del libro saranno interamente devoluti all’Opera Nazionale Orfani Militari Arma Carabinieri.

Galleria immagini:

Il canto del pettirosso di Rita Fiordalisi

Biblioteca Nazionale di Cosenza,  24/05/2024  - 24/05/2024 , 17:30 - 19:30

Venerdì 24maggio 2024, alle ore 17.00 si svolgerà presso la Sala “Giacomantonio”della Biblioteca Nazionale di Cosenza, la presentazione del libro “Il canto del pettirosso” di Rita Fiordalisi, ApolloEdizioni. L’evento si inserisce nella campagna nazionale “Il Maggio dei libri 2024” promossa dal Ministero della Cultura e dal Centro per il libro e la lettura (Cepell). L’incontro si aprirà con i saluti del direttore della Biblioteca Nazionale di Cosenza Adele Bonofiglio, della presidentedell’Associazione Ars Enotria, Anna Stella Cirigliano e dell’Associazione Elettra, Pina Falcone. I lavori saranno coordinati da Stefano Vecchione che introdurrà gli interventi di Giulia Fresca, Don Luigi Falcone e Giuseppe Cristofaro. La presentazione del libro sarà accompagnata da una pièce musicale dell’Associazione Ars Enotria che avrà come protagonisti i musicisti Anna Stella Cirigliano (viola), Francesca Donato (soprano), Carmine Boscaglia(pianoforte), Rita Fiordalisi (voce narrante). Al centro del romanzo vi è la storia di un palazzo nobiliare di Acri in provincia di Cosenza,fatto costruire per volontà del principeGiuseppe Leopoldo Sanseverino, principe di Bisignano, nel XVII secolo. Attraverso la narrazione viene riscritta la storia del luogo, i personaggi che vi hanno dimorato, gli amori e le passioni che sono sbocciati. Il principe Luigi Sanseverino figlio di Leopoldo, s’innamora di una cantante lirica e la porta a vivere nella residenza di Acri. Attraverso le vicissitudini di questa relazione vengono narrati una serie di eventi storici: il brigantaggio, le violenze, l’eversione feudale di Napoleone con il declino dei principi Sanseverino e del nobile palazzo. Successivamentecon il matrimonio tra Raffaele Falcone e Maria Carmela Sanseverino, figlia naturale del principe Luigi, il palazzo ritorna alla bellezza originale e ad essere fulcro di vita.

Galleria immagini:

Beni culturali identitari nelle province calabresi

Biblioteca Nazionale di Cosenza,  17/05/2024  - 17/05/2024 , 10:30 - 12:30

Venerdì 17 maggio 2024, alle ore 10.30 si svolgerà presso la Sala “Giorgio Leone” della Biblioteca Nazionale di Cosenza, la presentazione dei volumi “Beni culturali identitari nelle province calabresi” a cura dell’Associazione ex Consiglieri Regionali della Calabria. L’evento, organizzato dall’Associazione ex Consiglieri in collaborazione con l’Associazione Culturale Archigramma, si aprirà con i saluti istituzionali di Stefano Arturo Priolo, presidente dell’Associazione ex Consiglieri Regionali della Calabria, Adele Bonofiglio, direttore della Biblioteca Nazionale di Cosenza, Giuseppe Putortì presidente dell’Associazione Archigramma e Pierluigi Caputo, vice presidente del Consiglio Regionale della Calabria. Il giornalista Gregorio Corigliano modererà i lavori che avranno come protagonisti gli autori della ricerca presentata nei volumi, si tratta di Fabrizio Mollo, professore associato di Archeologia Classica presso l’Università degli Studi di Messina, Giovanna De Sensi Sestito, già professore ordinario di Storia Greca presso l’Università degli Studi della Calabria e Daniele Castrizio, professore Ordinario di Numismatica presso l’Università degli Studi di Messina che si è occupato del coordinamento scientifico dell’opera. Concluderà il dibattito il vice presidente dell’Associazione ex Consiglieri Regionali della Calabria, Ernesto Funaro. Al termine della presentazione, l’Associazione donerà alla Biblioteca Nazionale di Cosenza le più importanti pubblicazioni edite nei suoi 35 anni di attività. Dopo aver pubblicato i volumi dedicati a Reggio Calabria (aprile 2021) e alla Provincia di Cosenza (luglio 2023), nello scorso mese di ottobre, l'Associazione ex Consiglieri regionali ha portato a termine la realizzazione della collana sui beni culturali calabresi, dando alle stampe il terzo volume composto da due tomi e riguardante le Province di Catanzaro, Crotone e Vibo Valentia. Queste pubblicazioni sono state programmate e curate dall’Associazione ex Consiglieri con la collaborazione dell’Associazione Archigramma e di studiosi ed esperti del settore, allo scopo di offrire una guida utile all’approfondimento delle conoscenze sul patrimonio calabrese attraverso una raccolta dei beni culturali identitari dell’intera regione, che si auspica possa contribuire alla loro valorizzazione nonché a renderli strumento di crescita e sviluppo.

Galleria immagini:

Concerto Trio- Corso PROFIDAM del Liceo Gioacchino di Rende

Biblioteca Nazionale di Cosenza,  09/05/2024  - 09/05/2024 , 16:30 - 18:30

Giovedì 9 maggio 2024, alle ore 16.30 si svolgerà presso la Sala Giacomantonio della Biblioteca Nazionale di Cosenza un concerto organizzato dal Liceo Classico Statale e Liceo Musicale Coreutico “Gioacchino da Fiore” di Rende, Cosenza, in collaborazione con la Società Dante Alighieri sezione di Cosenza. L’evento si aprirà con i saluti istituzionali della direttrice della Biblioteca Nazionale di Cosenza, Adele Bonofiglio a cui faranno seguito gli interventi della presidente della Società Dante Alighieri di Cosenza Maria Cristina Parise e della dirigente scolastica del Liceo Classico Brunella Baratta. Protagonisti del pomeriggio saranno i musicisti Alessandro Acri, violino, Rosa Ferrigno, violoncello, Marco Martuccio, pianoforte. Il Trio, composto da studenti e studentesse del Corso di Propedeutica Filosofica dell’Ascolto Musicale del Liceo Gioacchino da Fiore, eseguirà dei brani tratti dalla produzione di Beethoven. Quest’anno il liceo Gioacchino ha inteso scegliere la splendida cornice della Biblioteca Nazionale di Cosenza per ospitare la consueta stagione concertistica con la quale si completano le attività didattiche del Corso di propedeutica filosofica dell’ascolto musicale (ProFiDAM). Nell’ambito del corso gli studenti indagano il rapporto con il momento originario dell’ascolto, inteso come possibilità di modificare sé stessi e di fornire alla musica una quantità infinita di interpretazioni. L’idea di fondo alla base di tale approccio didattico è che non possa esistere una propedeutica dell’ascolto musicale che non sia prima di tutto filosofica. Tutti gli altri ambiti di studio, infatti, da quello fisico-acustico a quello sociologico, antropologico e musicologico, vengono dopo (sopraggiungono) e si focalizzano solo su una parte ristretta del fenomeno dell’ascolto sia rispetto al nostro io, sia rispetto al momento originario della produzione sonora, sia rispetto alle letture e al pensiero che i suoni generano negli ascoltatori. La filosofia, invece, accoglie e interpreta tutti questi ambiti insieme.Nel corso dell’evento si esibiranno alcuni studenti della sezione coreutica del Liceo Gioacchino da Fiore.

Galleria immagini:

La pittura in Calabria, Quattrocento e Cinquecento di Mario Vicino

Biblioteca Nazionale di Cosenza,  23/04/2024  - 23/04/2024 , 16:30 - 18:30

Martedì 23 aprile 2024, la Biblioteca Nazionale di Cosenza, in occasione delle celebrazioni connesse alla Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore, organizza alle 16.30 presso la Sala Leone, la presentazione del libro del professore Mario Vicino dal titolo “La pittura in Calabria, Quattrocento e Cinquecento”, Aurora, Edizioni.
La Giornata mondiale del libro e del diritto d'autore nasce sotto l'egida dell'UNESCO nel 1996 per promuovere la lettura, la pubblicazione dei libri e la tutela del copyright. La data del 23 aprile è stata scelta perché coincide con il giorno in cui nel 1616 morirono tre grandi scrittori considerati dei pilastri della cultura universale: Miguel de Cervantes, William Shakespeare e Garciloso de la Vega.
Come riportato nella prefazione di Alessandra Pagano al libro di Mario Vicino, il volume si divide in due sezioni,distinte ma al contempo interconnesse. La prima è destinata a ricostruire i principali tratti del periodo a cavallo tra Quattrocento e Cinquecento, per poi analizzare, nella seconda parte del volume, alcuni dei capolavori più esemplificativi dell’arte di questo periodo.
Grazie a una scrittura colta ma fluida e scorrevole,Vicino si rivolge sia ad altri studiosi sia ai semplici appassionati, ricordandoci la magnificenza di opere come la tavola conservata presso la Pinacoteca Nazionale di Palazzo Arnone di Cosenza, raffigurante la “Pietà”, piccolo capolavoro del cinquecentesco Marco Pino, importante anello di collegamento tra il vecchio stile e quello nuovo, o il pregevole “San Francesco di Paola”, attribuita a Sebastiano Mainardi,
cognato del Ghirlandaio, oggi custodita nella chiesa dell’Annunziata a Montalto Uffugo in provincia di Cosenza.
La presentazione sarà accompagnata dall’esibizione della flautista Sara Angotti che eseguirà alcuni brani del repertorio classico.

Galleria immagini:

La storia individuale nella storia nazionale: gli anni ‘80 e ‘90 e il contributo della Calabria alla danza colta italiana

Biblioteca Nazionale di Cosenza,  23/04/2024  - 23/04/2024 , 09:30 - 13:30

Martedì 23 aprile dalle ore 9.30 alle ore 13.30, alla presenza degli studenti dei licei coreutici del territorio cosentino, l’IBIMUS Calabrese organizza presso la Biblioteca Nazionale di Cosenza, una Giornata di studio sul tema: “La storia individuale nella storia nazionale: gli anni ‘80 e ‘90 e il contributo della Calabria alla danza colta italiana”.
Gli anni ’80 e ’90 rappresentano nella storia della danza colta italiana un periodo di felice fermento artistico. Complice una politica culturale lungimirante, negli ultimi due decenni del Novecento tale danza è riuscita a esprimere un’energia costruttiva nuova in produzioni di respiro internazionale, sia nell’ambito delle attività dei teatri di tradizione, con le compagnie stabili, sia nell’ambito delle compagnie autonome come il Balletto di Toscana e l’Aterballetto. Di recente, la comunità scientifica coreutica ha iniziato a occuparsi della storicizzazione delle espressioni coreografiche di quegli anni, con l’obiettivo di fornire parametri linguistici, stilistici, tecnici ed estetici, utili a fare ordine e chiarezza in quello che ormai è diventato un cantiere infinito, sempre aperto: la coreografia di oggi. Tra termini come balletto, balletto neoclassico, balletto post-classico, balletto moderno, balletto contemporaneo, danza moderna, danza post-moderna, danza contemporanea, danza glocale, e non-danza, una grande confusione, infatti, domina attualmente nella selva delle pratiche di danza. È quanto mai urgente, quindi, analizzare, del nostro recentissimo passato, quelle esperienze artistiche esemplari cui importante contributo è stato dato anche da danzatori calabresi quali Eugenio Scigliano, solista del Balletto di Toscana, attualmente coreografo, e Michele Ferraro, solista del Teatro San Carlo di Napoli, attualmente coreografo.
La Giornata di studi a Cosenza, si propone di rispondere alla necessità dei nostri tempi di indagare il passato recente per poggiare il presente su impalcature solide.

Galleria immagini: